Il 60% dell'energia usata per produrre carta in Europa è rinnovabile.

Carta, energia per la mente

La carta è protagonista indiscussa dell’economia circolare. La forza ecologica della carta comincia dalla materia prima impiegata per la sua produzione, la fibra di cellulosa, che è naturale, riciclabile e rinnovabile.

Non solo. L’industria cartaria europea è il maggiore singolo utente industriale di energie rinnovabili. Il mix di combustibili impiegato dal settore per soddisfare il proprio fabbisogno energetico è guidato dalla biomassa, con una quota del 60%. Mentre il 96% della produzione in sito di energia elettrica è coperto dalla tecnologia della produzione combinata di energia e calore, nota come cogenerazione ad alto rendimento (CHP).

Tra il 1991 e il 2017, il settore cartario ha fatto continui progressi nella prevenzione e nella riduzione dell’inquinamento derivante dall’attività produttiva. Nonostante un incremento produttivo del 45%, nel periodo di riferimento si registra una sostanziale riduzione del consumo di energia e di acqua nonché delle emissioni in aria e in acqua.

Il 60% dell'energia utilizzata per produrre carta e imballaggi in carta in Europa proviene da fonti rinnovabili.

CEPI, 2018

Le foreste UE assorbono circa il 10% delle emissioni di gas serra totali UE ogni anno.

European Commission, 2019

L'industria cartaria europea ha ridotto le proprie emissioni di anidride carbonica del 26% dal 2005.

CEPI, 2018

La carta è un alleato nella lotta ai cambiamenti climatici

Gli imballaggi in carta sono nostri alleati nella lotta ai cambiamenti climatici.

Come lo sono le foreste che forniscono all’industria cartaria la materia prima rinnovabile per eccellenza, il legno. Ogni elemento in legno è un serbatoio di stoccaggio di CO2. In natura gli alberi, soprattutto durante la fase di crescita, stoccano al loro interno il diossido di carbonio, sottraendolo all’atmosfera. Circa la metà del peso secco del legno è, infatti, costituito da carbonio. Oltre al carbonio sequestrato nella sua biomassa, in una percentuale media del 30%, una foresta sana tratterrà nel suolo il restante 70%. Questo significa che con un’adeguata attività di ripiantumazione, e grazie a una gestione sostenibile, le foreste trattengono il carbonio fuori dall’atmosfera per lungo tempo. Agendo come un pozzo di assorbimento del carbonio, le foreste contribuiscono alla mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici.

Il carbonio assorbito all’interno dei prodotti in legno per tutta la durata del loro ciclo di vita corrisponde alla rimozione annua di 693 milioni di tonnellate di CO2 dall’atmosfera. Sebbene i prodotti in carta hanno una durata di vita relativamente breve (con poche eccezioni come i libri o i documenti archiviati) il “beneficio climatico” delle fibre di cellulosa continua durante il riciclo, poiché tali fibre continuano a immagazzinare il carbonio sequestrato dall’atmosfera.

 

Next Fact

Scopri di più

Approfondisci le notizie vere che riguardano la carta e l'ambiente.

Scarica